Arquivo | novembro, 2013

SÉRIE POETAS SARDOS : HOMENAGEIA ‘MARIA CARMELA DETTORI’ ESCRITORA E POETA DA NOVA GERAÇÃO DA SARDEGNA .

25 nov

Edição: SSTM em português
Por lucinha detorri
 
 
Foto
Queridos amigos,

Hoje quero apresentar uma querida amiga, MARIA CARMELA DETTORI, da nova geração de jovens e talentosos  escritores e poetas  Sassareses. Assim  como escrevi sobre  seu  irmão, também grande poeta e escritor “ GAVINO DETTORI,  não me é difícil escrecer sobre Carmela, pois a mesma traz consigo, o carisma peculiar  do  povo da ilha de sardegna, como,  a altivez  e  o  orgulho por suas  raízes e origem milenar, sentimentos estes que compartilho igualmente, como uma descendente de Sardos Sassarese.

Ao ler seus poemas através da rede social, pedi para que me enviasse um pequeno ressumo sobre sua carreira e suas premiações literárias, o que me foi prontamente enviado.

Ao ler o contéudo da remessa,  me deparei com a mais humilde, singela e discreta descrição de  uma pessoa  sobre si  mesma e sobre o seu trabalho. Isto, não me surpreendeu absolutamente , ao contrario,me encantou, sabedora que sou destas e tantas  outras característica marcantes do caráter  da maioria dos sardos. 

 Transcrevo do texto original .

 ““Nasci em sassari e meu arrependimento é não ter vivido  ali o  suficiente para saber disso. Mas estou feliz por ter vivido no campidano , o sul da sardenha , onde tenho todas as lembranças de criança e da minha juventude. Agora eu vivo em salargiu , a 10 minutos de carro de cagliari.

Eu comecei há alguns meses atrás a minha antiga paixão de poesia e histórias curtas ( contos, sobretudo) , coloquei  um pouco de lado pelo família e trabalho, mas nunca esqueci nem e nem deixei totalmente de lado.

Escrever para mim é uma necessidade, um elemento vital , como comer a salada …. Sem os dois não vivo ! Poesia mi enche a alma, me tranquiliza, dá-me uma sensação de harmonia incomparável , mesmo quando escrevendo contos de fadas .

Neste verão de 2013,descobri as composições japonesas , principalmente haiku, eu estou apaixonada , eu estava fascinado , porque é como se para me manter sempre abraçou ao sonho, a harmonia, a essência das coisas , a  valorização dos aspectos que nos faz perder a corrida diária, que me mantém pela mão quando eu escrevo poemas , porque me ensinaram a escrever simples , despretensiosa , sem retórica desnecessária, enquanto compreensão sublime a essência de si mesmo, a alma do universo. Eu não tenho pretensões , apenas queria transmitir minhas emoções e partilhar as dos outros.”

 ——————————————————————————————————————————————————–

Trascrivo il testo stoo ricevuto:

 Oggi voglio presentarvi un caro amico, MARIA CARMELA DETTORI, la nuova generazione di talentuosi giovani scrittori e poeti Sassareses. Come ho scritto di suo fratello, anche un grande poeta e scrittore “GAVINO DETTORI, non è difficile per me scrivere di Carmela, perché porta con sé, il carisma speciale del popolo dell’isola di Sardegna, come la superbia e l’orgoglio delle loro radici e antica origine, che condividono anche questi sentimenti, come discendente di sardi Sassarese.

 Quando ho letto algune di sue  poesie tramite il social network, subito ho chiesto un ressumo della sua carriera e premi letterari, che è stato prontamente enviato.

Al leggere il contenuto di trasporto, mi sono imbattuto nel più  semplice e discreto descrizione di una persona su di te e del tuo lavoro, cosa che non mi ha sorpreso assolutamente , invece me affascinato,perchè  io sono consapevola di  queste e molte altre caracteristica dei   carattere dei  sardi.(lucinha Dettori)

testo originale                   

 Sono nata a sassari e il mio rammarico è non averci vissuto abbastanza per conoscerla. Però sono comunque felice di aver vissuto nel campidano, il sud della sardegna, dove ho tutti i ricordi di bambina e fanciulla.

Ora vivo a selargius, a 10 minuti di macchina da cagliari. Ho ripreso da qualche mese la vecchia passione della poesia e dei racconti (fiabe sopratutto), messa un po’ da parte per la famiglia e il lavoro, ma mai dimenticata né smessa del tutto.

Scrivere per me è un’esigenza, un elemento vitale, come mangiare l’insalata …. Senza loro due non vivo!! La poesia mi riempie l’anima, mi pacifica, mi da un senso di armonia ineguagliabile, scrivere fiabe lo stesso.

Da quest’estate 2013 ho scoperto le composizioni giapponesi, prima fra tutte l’haiku, me ne sono innamorata, mi ha avvinta, perchè è come se mi tenesse sempre abbracciata al sogno, all’armonia, all’essenziale delle cose, all’apprezzamento di quegli aspetti che la fretta quotidiana ci fa sfuggire, mi tiene per mano anche quando scrivo poesie, perchè mi ha insegnato la scrittura semplice, senza artifizi, senza retoriche inutili, pur nel sublime cogliere l’essenza di se stessi, dell’anima, dell’universo. Non ho pretese, solo voglia di trasmettere le mie emozioni e di condividere quelle degli altri.” Maria Carmela Dettori

 Agumas de suas belas e premiadas poesias.
Tradução livre – em português.

anjinho

Crianças cortadas…

 Você não tem asas para voar,
Nem baús secretos onde
Colocar seus sonhos,
Nem casacos escuros sobre
Os quais  protegerà os seus amanhãs,
Você não tem pernas rápidas
A subir ao longo dos rios,
Nem voz suficiente
Para quebrar as paredes.
 
Você só tem olhos
Para olhar ao redor,
Mãos pequenas
Para levar pedras
E consumar jogos já terminados,
Através do esqueleto de sua mãe.
 
Você só tem olhos
Para ver o grão secar
E rezar para o céu uma razão
De tal pena esquecida,
Mãos pequenas
Para preencher o luto
Uma alegria imediatamente roubada
A covardia de uma raiz infectada,
Enquanto o vento sopra
Raiva impotente e aquietada.
 
Você só tem olhos
De lágrimas sem fim
E mãos pequenas
Estrela incineradas.
 
De maria carmela Dettori
 Bimbe recise
 Non hai ali per volare,
 né scrigni segreti dove
 racchiudere i tuoi sogni,
 né scuri mantelli sotto
 cui proteggere i tuoi domani.
  
Non hai gambe veloci
 per scavalcare i fiumi,
 né voce sufficiente
 per frantumare i muri
 di una pietà dimenticata.
 
Hai solo occhi
 per guardarti intorno,
 per vedere il grano inaridire
 mentre muta attraversi
 lo scheletro di tua madre. 
                                                                                                    
 Piccole mani
 per trascinare sassi
 e consumare giochi già finiti,
 mentre il vento soffia
 un’ira impotente e s’acquieta. 
                                                                    
 Hai solo occhi e piccole mani
 per ricoprire il lutto
 di una gioia subito rubata
dalla viltà di una radice infetta,
 
anima senza cielo che l’aspetta.
 Hai solo occhi per lacrime infinite
 e piccole mani per stelle incenerite.

Maria Carmela Dettori

———————————————–

Tradução livre – em português.

Sardegna-18/11/2013 – 12 vítimas, quatro crianças)

boneca

Pequenino não tenha medo

Pequeno, não tenha medo
Pequeno, não tenha medo,
Dê ao papai a sua mãozinha,
Siga-me no caminho
Das estrelas e sorriso,
Aqui, perto de outros
Que hoje que nos faz companhia,
Ouça aqui, vem tão doce
O canto dos rouxinóis
Que acompanha o sono das crianças.
 
Querida, ouça, fica mais perto de mim,
Seca, os olhos de sua mãezinha,
Pela coragem de seu pequeno coraçãozinho,
Diga a ela que a amo tanto,
Faça um círculo com as outras crianças aqui
E lhes conforta  o  choro
Que agora carrega a cruz de recordações eternas,
Apertar-lhe forte, dá-lhe  um carinho,
Um beijo na testa e a respiração quente
De sua inocência.
 
Pequeno, vamos lá, não tenha medo,
A noite é mais para nós, nunc acaba
Como a luz de sua breve vida. (sardegna-18/11/2013 – 12 vittime, 4 bambini)

 PICCOLO NON AVERE PAURA

Piccolo, non aver paura
Piccolo, non aver paura,
Dai a papà la tua manina,
Seguimi nel cammino
Delle stelle e sorridi,
Quassù, vicino agli altri
Che oggi ci fanno compagnia,
Ascolta quassù, come arriva dolce
Il canto degli usignoli
Che accompagna il sonno dei bambini.
 
Tesoro, ascolta, stammi più vicino,
Asciuga gli occhi della tua mammina,
Dalle il coraggio del tuo cuoricino,
Dille che l’amiamo tanto,
Fai un girotondo qui con gli altri bimbi
E consolate il pianto
Di chi porta ora la croce del ricordo eterno,
Stringila forte, dalle una carezza,
Un bacio sulla fronte e l’alito caldo
Della tua innocenza.
 
Piccolo, vieni, non aver paura,
La notte per noi è ormai finita,
Come la luce della tua breve vita.
————————————————————————–
.Buongiorno, amore
 
SONY DSC
 
Come s’indora la tua pelle
Ai primi raggi del sole!
E com’è bello baciarla
Appena sveglia,
Mentre ti guardo
Che ancora dormi
E ti accarezzo i capelli
Con il mio respiro.
 
Mi siedo nuda
Sul cuscino che odora
Dei sogni appena chiusi
E aspetto di bere il mio caffè
Dalle tue labbra.
 
Dalla tenda  socchiusa
Un raggio di luce
Si ferma sul davanzale,
Raccontandomi l’alba
Di un autunno radioso
Che seduce il giorno
Con i suoi profumi,
Mentre dal chiaroscuro
Si staglia sul tuo viso
L’arcobaleno.
 
Socchiudi gli occhi
E divertita rido
Della tua fragilità
Nel miracolo d’amore,
Mentre cavalchi abissi
Per arrivare al cielo
  serrandomi le mani.

Maria carmela dettori

—————————————-

Sardegna

Foto

Amo questa mia terra                                              

Che ha sofferto tanto,
Amo le sue pietre antiche
Che hanno riso e pianto,
Testimoni senz’occhi
Di libertà negate da arroganti
Dei in doppiopetto, immuni
Ad anatemi e filo spinato.
 
Madre clemente di figli ingrati
Che nelle sue viscere
L’oscura notte hanno calato,
Contaminando i campi
Con sangue sconsacrato,                        
Vedeva aratri e vanghe
Farsi coltelli a serramanico,
Lembi di manti appesi
Ai rami secchi dei monti,
A seguire la scia del mulo
A guardia della grotta,
Vedeva rive di smeraldo
Consumarsi in gorghi
Di rifiuti di cemento,                  
Vedeva i figli andare
E mangiar fiele, piegati
Dall’odio e dalla fame,
Vedeva i cieli oscurarsi
Nell’infamia e disonore,
Subiva il colpo e
Risollevava il capo,
Certa come fa una madre
Che ad ogni giorno perso
D’un altro c’è il riscatto.
 
Amo questa mia terra,
Questa mia donna stanca, 
Ancora a piedi scalzi,                 
Feriti da straniere spine,                                                                                                                                       
Così bella e calda
Nel riflesso del suo mare,
Così capace ancora
Di farmi innamorare
Con vesti ricamate
Di cicatrici al sole.
 
Maria carmela dettori
—————————————–

La matita rotta

download

Non buttarmi via,
Mettimi nelle mani
Di un bambino
E saprò fare per te
Ancora mille meraviglie,
Saprò scrivere
Le poesie più belle,
Le più belle lettere d’amore,
Saprò disegnare
Solo cieli con le stelle,
Dove volano
In pace gli aeroplani,
Soltanto prati
Dove passan  coccinelle
Che ste col fango
Si fanno burattini,
Saprò disegnare notti
Dove s’ode solo
Il canto degli uccelli
E l’unica luce accesa
È l’occhio della luna,
Saprò disegnare
Mani impiastricciate
Di coloriringono altre mani
In un girotondo
Di canzoni,
Dagli occhi di un bambino
Saprò disegnare
Il sole e arcobaleni
Di piogge naturali
E quel sorriso
Che il mondo
Ha perso
Nel retro di una foto
In un album
Chiuso a chiave
In un cassetto.
Maria carmela dettori
——————————————–
Meditazione
 
SONY DSC
Seduto sulla croce antica stava gesù,
Vecchio nel volto e sul corpo
Le cicatrici del tempo che fu,
Sul capo bianchi capelli senza spine,
Negli occhi dubbi ed inquietudine,
Le lacrime scendevano calde, giù,
A lambire i piedi nudi, infiltrando
I cunicoli del consunto legno
E crescendo rivoli per terra, diritti,
Lunghi sino alle deserte valli, laggiù,          
Andavano  in fondo sino al mare,         
E nelle fitte reti di un pescatore,
Così, senza far rumore, potessero
Scalfire il vento e i muri del disonore,
E si guardava nelle ombre delle case,
Dentro mosaici di ricche cattedrali,
In alto su cime di monti solitari,
Su pareti dense d’acre odore di gas,
Dentro vuoti cassetti di perle rubate,
Su strade di fango e tafani voraci,
Sul fondo di calici di vino e champagne,
Sui corpi ammassati in piazze e borgate
O in campi di rovi, lavanda e lillà,
Su muri dipinti di bianchi palazzi,
Su corse di bimbi troncate a metà
Nel triste tripudio alla più falsa libertà,
Conosceva quell’uomo inchiodato là,
Due volte appeso e riappeso al muro,
Ovunque, in ogni angolo della terra
Dove c’era un dio che muto aspettava.
 
Si sollevò stanco, lasciò la croce e andò,
Il peso era immenso, le spalle curve,
Un vecchio bastone batteva il passo,
Più e più volte barcollando sopraffatto,
Quanta fatica danno le miserie del mondo!,
Con i piedi dilaniati e la fronte madida
Si fermò, davanti a lui la tomba di sua madre:
-madre, solo ora asciugo il tuo infinito pianto,
Ma sappi che per quanti  mi usino e rinneghino,
Facendo scempio delle mie parole e fatti,
Per quanto triste sia il fardello che ti porto,
So di aver lasciato la speranza nelle case
Di chi le mie lotte ha fatto sue e
Sempre per amore e libertà combatte,
Senza celarsi dietro un cristo in croce-
Posò un fiore e si spostò di lato:
-giuseppe, padre mio, non ti ho mai tradito,
E sono tanti a percorrere ogni giorno
La via dell’esempio di tuo figlio,
Dando la vita o no non ha importanza,
Crescendo con coraggio e senza pena
Un seme, un albero, un bosco smisurato,
Che ponga radici in ogni animo avvizzito.
 
Perché ogni goccia che nel mare sta
È mare stesso e vive per l’eternità-.
Su quella tomba un altro fiore nacque,
Gesù s’alzò e ricominciò il cammino,
Debole il passo e fragile il bastone,
Il suo posto era là, su quella croce antica,
Non sarebbe più disceso, era destino.
 
Il suo tempo finito non fu mai sprecato.
Ogni goccia sa dove il mare va.
Maria carmela dettori.