SÉRIE OS GRANDES PINTORES SARDOS: GIANNI LARDIERI: ARTISTA DO EXPRESSIONISMO ABSTRATO – “QUANTO PINTA VOA COM AS ASAS DO PENSAMENTO PARA O CÉU”.

7 abr

Caros amigos,

Hoje lhes apresento com muita satisfação mais um grande pintor expressionismo abstrato, que possui a mesma genialidade dos consagrados artistas plásticos como Jackson Poolock, Willian Hall e Michael Lang.

Então! embora saber um pouco sobre esta arte?

O expressionismo abstrato reúne um grande conjunto de manifestações,sendo possível identificar duas tendências principais. Uma, que se integra a corrente da Action Painting, dos já consagrados artistas citados acima, em suas obras, bastante gestualistas, onde a tinta era lançada diretamente na tela, através de gestos instintivos, ao acaso e aleatório que Pode terminar evolução da pintura. Este estilo de arte é devido a capacidade do artista de perceber sua incapacidade de transmitir mensagens.

Podemos também definir a arte de Gianni Lardieri como uma pintura matérica que é uma tendência do informalismo que se desenrola na Europa nos finais dos anos 50 e dos princípios da infância do século XX.

 Os artistas Français Fautrier e Dubuffet foram os criadores simultâneos desta tendência.  A Pintura matérica é uma pintura recorrente, dentro do informalismo europeu posterior à Segunda Guerra Mundial. Se desenrolou desde finais dos anos quarenta e princípio dos anos cinquenta. 

A outra tendência, mais meditativa ou “mística”, integra os pintores Rothko e Gottlieb. Estes artistas exploraram preferencialmente as qualidades tactéis e os efeitos sensitivos da cor e produziram quadros abstratos utilizando poucos elementos, representados com limites indefinidos e relações cromáticas de grande subtileza. 

Nem todas as obras deste movimento são abstratas, como algumas obras de Willem de Kooning, de Mark Rothko ou de Barnett Newman. Era normalmente aceito que a abordagem do artista ao seu trabalho se deveria relacionar diretamente com o seu inconsciente, libertando uma diferente criatividade.”

 Então vamos conhecer um pouco sobre GIANNI LARDIERI, que descobri por caso em minha vasta lista de amigos virtuais da Sardenha. E nesta hora que fico a pensar numa frase que li um dia de um outro amigo jornalista sardo e dirigente da revista eletrônica Tuttusu In Pari, que me disse:

 “Beleza da Sardenha não está apenas em seu mar e praias, a beleza da Sardenha está no olhar de quem a vê “

e é com este olhar que vou buscar esta gama de talentosos artistas que perpetuam na ilha, seja na música, dança, pintura, escultura e na literatura. Continuando a falar de Gianni Lardieri, Antonello Dess, em um pequeno artigo nos revela que Gianni Lardieri  é um jovem senhor de meia idade, autodidata, (e  aqui acrescento: elegante, sóbrio, inteligente e extremamente cavalheiro, como um legítimo sardo) que  preservou suas aptidões artísticas, longe do público e que está  paixão pelas artes, aflorou impulsionada pela  sua enorme experiência profissional  na área da  construção, e de seu profundo conhecimento dos materiais de seu trabalho, que hoje são empregados na elaboração de  suas obras sobre tela: como o acrílico alcatrão, esmaltes, óleos, óxidos de ferro, estuque, pó de mármore, várias terras, têxteis e materiais de poliuretano, explorando suas   intrínsecas  transformações realizadas com determinadas massas e combinações. E assim, contrastando a prevalência da matéria sobre a forma, ele encontra o objetivo para criar suas obras imaginárias e cósmica.

Vamos conhecer um pouco mais sobre este importante artista sardo de Carbonia, em um outro artigo, que retirei de umas recentes entrevistas, quando de uma de suas mostras itinerantes na Sardenha. Possivelmente um crítico de arte, que diz: 

Acredito que os títulos dados pelo próprio artista a cada obra, e mais pela escolha dos materiais e formas plásticas que muitas vezes remetem a visões satélites de nosso planeta. Por isso, pergunto diretamente ao artista se era apenas percepção minha, ou se é exatamente essa a intenção de sua fermentação criativa?, pois observando suas obras, pontua os entrevistados, posso pensar em um verso do Canzoniere del Petrarca que diz: “Eu voo com as asas dos meus pensamentos para o céu, muitas vezes parece que quase um deles me parece ter seu tesouro lá, deixando no chão o véu rasgado. “Quanto a arte clássica com sua roupagem influenciou, se houve alguma influência, sua produção atual? Quanta poesia e quanta música impulsiona suas escolhas criativas?

Gianni – Eu amo toda a música em geral, mas quando estou ocupado em um novo trabalho eu quase sempre ouço rock: Led Zeppelin, Deep Purple, Pink Floyd. Isso me ajuda a me concentrar

Entrevistador:  Ao contrário de muitos que se propuseram ao público desde o início de sua jornada artística, você tem experimentado à sombra da modéstia por muitos anos. Você decidiu oferecer seus trabalhos ao público somente quando entendeu que chegou a hora de compartilhar? Você quer nos contar como começou a experimentar e quando percebeu que estava pronto para o público?

Gianni responde: Por causa do grande respeito e amor que tenho pela Arte, propus meus trabalhos numa idade avançada, isto é, quando percebi que o produto do meu longo trabalho de experimentação poderia ser considerado Arte Informal Matérica ou Expressionismo Abstrato. ...

Abro e não esta pequena mostra virtual da galeria do artista, com este emblemática trabalho de Gianni Lardieri, tão bem pontuado por Tina Masoero , intitulado SEQUOIA. técnica mista, Informal e Materica  que na percepção dela e nossa também nos faz  pensar e a ter grande respeito por tudo relacionado ao cenário da floresta amazônica, dão vandalizada em nossos dias. Nela Gianni nos alerta que o bem-estar de todo o nosso planeta depende unicamente de nós. Tenho certeza de que esta imagem será do seu agrado, e que te levará a uma profunda reflexão… 

  

 

Catalogo-di-Gianni-Lardieri-ok-stampa-compresso

Clique a esquerda do mouse no link  acima  para apreciar todo  catálogo  de obras do  artista.

—————————————————————————————————–

Cari amici,

Oggi vi presento con grande soddisfazione un altro grande pittore espressionista astratto, che ha lo stesso genio dei noti artisti della plastica come Jackson Poolock, Willian Hall e Michael Lang.

Quindi, conosciamo un po ‘di quest’arte?

L’espressionismo astratto riunisce una vasta serie di manifestazioni ed è possibile identificare due tendenze principali. Uno che integra la potenza di Action Painting, gli artisti già affermati di cui sopra, nelle sue opere, abbastanza gestualistas, dove la pittura è stato gettato direttamente sullo schermo, attraverso gesti istintivi a caso e casuali che hanno determinato l’evoluzione della pittura. Questo stile artistico è dovuto alla capacità dell’artista di percepire la sua incapacità di trasmettere messaggi.

Si può anche definire l’arte di Gianni Lardieri come una pittura materica che è una tendenza di informalità che si svolge in Europa alla fine del ’50 e della prima infanzia del Novecento.

Gli artisti Fautrier e Dubuffet sono stati i creatori simultanei di questa tendenza. La pittura della materia è un dipinto ricorrente, all’interno dell’informalismo europeo dopo la seconda guerra mondiale. È in atto dalla fine degli anni ’40 e dai primi anni ’50.

L’altra tendenza, più meditativa o “mistica”, integra i pittori Rothko e Gottlieb. Questi artisti sfruttavano preferenzialmente le qualità tattili e gli effetti sensoriali del colore e producevano immagini astratte utilizzando pochi elementi, rappresentati con limiti indefiniti e relazioni cromatiche di grande finezza.

Non tutte le opere di questo movimento sono astratte, come alcune opere di Willem de Kooning, Mark Rothko o Barnett Newman. Era generalmente accettato che l’approccio dell’artista al suo lavoro dovesse riguardare direttamente il suo inconscio, liberando una diversa creatività. “

Familiarizziamo un po ‘su GIANNI LARDIERI, che ho scoperto per caso sulla mia vasta lista di amici virtuali della Sardegna. E questa volta penso a una frase che ho letto un giorno da un altro amico giornalista sardo della rivista elettronica Tuttusu In Pari, che un giorno mi ha detto:

“La bellezza della Sardegna non è solo nel suo mare e nelle sue spiagge, la bellezza della Sardegna è negli occhi di chi la vede”

ed è con questo sguardo che trovro questa gamma di artisti di talento che si perpetuano sull’isola, sia nella musica, nella danza, nella pittura, nella scultura e nella letteratura. Continuando a parlare di Gianni Lardieri, Antonello Dess, in un breve articolo rivela che Gianni Lardieri è un uomo giovane, di mezza età, autodidatta, (e qui aggiungo, elegante, sobrio, intelligente ed estremamente gentiluomo, come un legittimo sarda) che conservato le loro capacità artistiche, lontano dal pubblico e che la passione per le arti, toccato spinto dalla sua grande esperienza nel settore delle costruzioni, e la sua profonda conoscenza dei materiali del loro lavoro, che oggi vengono utilizzati nella preparazione delle sue opere su tela: how smalti acrilici catrame, oli, ossidi di ferro, gesso, polvere di marmo, varie terre e materiali tessili poliuretano sfruttando le trasformazioni intrinseche eseguiti con certe combinazioni e pasta. E così, contrastando la prevalenza della materia sulla forma, trova l’obiettivo di creare le sue opere immaginarie e cosmiche.

Fateci sapere qualcosa in più su questo importante artista sarda Carbonia, in un altro articolo, che ho rimosso una recente intervista, quando uno dei suoi mostre itineranti in Sardegna. Forse il critico d’arte che dice:

“Credo che i titoli dati dall’artista per ogni opera, e più dalla scelta di materiali plastici e di forme che spesso si riferiscono a immagini satellitari del nostro pianeta. Quindi, chiedere direttamente all’artista se è stato solo me percepita, o se è solo È questa l’intenzione del tuo fermento creativo?

Osservando le sue opere, sottolinea gli intervistati, può pensare di un versetto del Canzoniere del Petrarca dice: “io volo con le ali del mio pensiero al cielo, spesso sembra che quasi uno di loro sembra avere il suo tesoro lì, lasciando il terreno il velo strappato. “Quanto l’arte classica con i suoi abiti ha influenzato, se c’è stata qualche influenza, la sua attuale produzione? Quanta poesia e quanta musica guidano le tue scelte creative?

Gianni – Amo la musica in generale, ma quando sono impegnato in un nuovo lavoro ascolto quasi sempre rock: i Led Zeppelin, i Deep Purple, i Pink Floyd. Questo mi aiuta a concentrarmi

Intervistatore: A differenza di molti che si sono proposti al pubblico dall’inizio del loro percorso artistico, hai vissuto l’ombra della modestia per molti anni. Hai deciso di offrire il tuo lavoro al pubblico solo quando hai capito che era giunto il momento di condividere? Vuoi dirci come hai iniziato a sperimentare e quando hai capito che eri pronto per il pubblico?

Intervistatore: A differenza di molti che si sono proposti al pubblico dall’inizio del loro percorso artistico, hai vissuto l’ombra della modestia per molti anni. Hai deciso di offrire il tuo lavoro al pubblico solo quando hai capito che era giunto il momento di condividere? Vuoi dirci come hai iniziato a sperimentare e quando hai capito che eri pronto per il pubblico?

Gianni risponde: A causa del grande rispetto e dell’amore che ho per l’arte, ho proposto i miei lavori in età avanzata, cioè quando ho capito che il prodotto del mio lungo lavoro di sperimentazione poteva essere considerato l’Arte Informale Maerica o l’Espressionismo Astratto. …

Apro questa piccola mostra virtuale della galleria dell’artista, con questa opera emblematica di Gianni Lardieri, così ben punteggiata da Tina Masoero, intitolata SEQUOIA. tecnica mista. informale e materica, secondo lei e anche a noi ci fa riflettere e avere un grande rispetto per tutto ciò che riguarda lo scenario della foresta amazzonica, dare atti vandalici ai nostri giorni. In esso Gianni ci avverte che il benessere dell’intero nostro pianeta dipende da noi, sono sicuro che questa immagine sarà di tuo gradimento e ti porterà una riflessione profonda …

————————————————————————————

Cari amici,

Oggi vi presento con grande soddisfazione un altro grande pittore espressionista astratto, che ha lo stesso genio dei noti artisti della plastica come Jackson Poolock, Willian Hall e Michael Lang.

Quindi, conosciamo un po ‘di quest’arte?

L’espressionismo astratto riunisce una vasta serie di manifestazioni ed è possibile identificare due tendenze principali. Uno che integra la potenza di Action Painting, gli artisti già affermati di cui sopra, nelle sue opere, abbastanza gestualistas, dove la pittura è stato gettato direttamente sullo schermo, attraverso gesti istintivi a caso e casuali che hanno determinato l’evoluzione della pittura. Questo stile artistico è dovuto alla capacità dell’artista di percepire la sua incapacità di trasmettere messaggi.

Si può anche definire l’arte di Gianni Lardieri come una pittura materica che è una tendenza di informalità che si svolge in Europa alla fine del ’50 e della prima infanzia del Novecento.

Gli artisti Fautrier e Dubuffet sono stati i creatori simultanei di questa tendenza. La pittura della materia è un dipinto ricorrente, all’interno dell’informalismo europeo dopo la seconda guerra mondiale. È in atto dalla fine degli anni ’40 e dai primi anni ’50.

L’altra tendenza, più meditativa o “mistica”, integra i pittori Rothko e Gottlieb. Questi artisti sfruttavano preferenzialmente le qualità tattili e gli effetti sensoriali del colore e producevano immagini astratte utilizzando pochi elementi, rappresentati con limiti indefiniti e relazioni cromatiche di grande finezza.

Non tutte le opere di questo movimento sono astratte, come alcune opere di Willem de Kooning, Mark Rothko o Barnett Newman. Era generalmente accettato che l’approccio dell’artista al suo lavoro dovesse riguardare direttamente il suo inconscio, liberando una diversa creatività. “

Familiarizziamo un po ‘su GIANNI LARDIERI, che ho scoperto per caso sulla mia vasta lista di amici virtuali della Sardegna. E questa volta penso a una frase che ho letto un giorno da un altro amico giornalista sardo della rivista elettronica Tuttusu In Pari, che un giorno mi ha detto:

“La bellezza della Sardegna non è solo nel suo mare e nelle sue spiagge, la bellezza della Sardegna è negli occhi di chi la vede”

ed è con questo sguardo che trovro questa gamma di artisti di talento che si perpetuano sull’isola, sia nella musica, nella danza, nella pittura, nella scultura e nella letteratura. Continuando a parlare di Gianni Lardieri, Antonello Dess, in un breve articolo rivela che Gianni Lardieri è un uomo giovane, di mezza età, autodidatta, (e qui aggiungo, elegante, sobrio, intelligente ed estremamente gentiluomo, come un legittimo sarda) che conservato le loro capacità artistiche, lontano dal pubblico e che la passione per le arti, toccato spinto dalla sua grande esperienza nel settore delle costruzioni, e la sua profonda conoscenza dei materiali del loro lavoro, che oggi vengono utilizzati nella preparazione delle sue opere su tela: how smalti acrilici catrame, oli, ossidi di ferro, gesso, polvere di marmo, varie terre e materiali tessili poliuretano sfruttando le trasformazioni intrinseche eseguiti con certe combinazioni e pasta. E così, contrastando la prevalenza della materia sulla forma, trova l’obiettivo di creare le sue opere immaginarie e cosmiche.

Fateci sapere qualcosa in più su questo importante artista sarda Carbonia, in un altro articolo, che ho rimosso una recente intervista, quando uno dei suoi mostre itineranti in Sardegna. Forse il critico d’arte che dice:

“Credo che i titoli dati dall’artista per ogni opera, e più dalla scelta di materiali plastici e di forme che spesso si riferiscono a immagini satellitari del nostro pianeta. Quindi, chiedere direttamente all’artista se è stato solo me percepita, o se è solo È questa l’intenzione del tuo fermento creativo?

Osservando le sue opere, sottolinea gli intervistati, può pensare di un versetto del Canzoniere del Petrarca dice: “io volo con le ali del mio pensiero al cielo, spesso sembra che quasi uno di loro sembra avere il suo tesoro lì, lasciando il terreno il velo strappato. “Quanto l’arte classica con i suoi abiti ha influenzato, se c’è stata qualche influenza, la sua attuale produzione? Quanta poesia e quanta musica guidano le tue scelte creative?

Gianni – Amo la musica in generale, ma quando sono impegnato in un nuovo lavoro ascolto quasi sempre rock: i Led Zeppelin, i Deep Purple, i Pink Floyd. Questo mi aiuta a concentrarmi

Intervistatore: A differenza di molti che si sono proposti al pubblico dall’inizio del loro percorso artistico, hai vissuto l’ombra della modestia per molti anni. Hai deciso di offrire il tuo lavoro al pubblico solo quando hai capito che era giunto il momento di condividere? Vuoi dirci come hai iniziato a sperimentare e quando hai capito che eri pronto per il pubblico?

Intervistatore: A differenza di molti che si sono proposti al pubblico dall’inizio del loro percorso artistico, hai vissuto l’ombra della modestia per molti anni. Hai deciso di offrire il tuo lavoro al pubblico solo quando hai capito che era giunto il momento di condividere? Vuoi dirci come hai iniziato a sperimentare e quando hai capito che eri pronto per il pubblico?

Gianni risponde: A causa del grande rispetto e dell’amore che ho per l’arte, ho proposto i miei lavori in età avanzata, cioè quando ho capito che il prodotto del mio lungo lavoro di sperimentazione poteva essere considerato l’Arte Informale Maerica o l’Espressionismo Astratto. …

Apro questa piccola mostra virtuale della galleria dell’artista, con questa opera emblematica di Gianni Lardieri, così ben punteggiata da Tina Masoero, intitolata SEQUOIA. tecnica mista. informale e materica, secondo lei e anche a noi ci fa riflettere e avere un grande rispetto per tutto ciò che riguarda lo scenario della foresta amazzonica, dare atti vandalici ai nostri giorni. In esso Gianni ci avverte che il benessere dell’intero nostro pianeta dipende da noi, sono sicuro che questa immagine sarà di tuo gradimento e ti porterà una riflessione profonda …

 

 

 

Deixe um comentário

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair /  Alterar )

Foto do Google+

Você está comentando utilizando sua conta Google+. Sair /  Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair /  Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair /  Alterar )

Conectando a %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogueiros gostam disto: